Scoperti i tre trucchi di comunicazione usati da un Ministro dello Stato per convincere gli italiani a bruciare i propri soldi…

giocoNel 2009 un matematico e un fisico torinesi, dopo esperienze diverse nel campo scientifico, hanno dato vita al brillante progetto Fate il Nostro Gioco™. La loro idea è stata di usare la matematica come “antidoto logico” per immunizzarsi (e immunizzarci) dal rischio degli eccessi da gioco dazzardo. Lo so, detto così non sembra poi tanto affascinante, in fondo chi ha voglia di stare a sentire un barboso matematico che spiega con numeri e supercazzole grafiche le (im)probabilità di una vincita al lotto?

L’hanno pensato anche loro ed ecco che il duo (nel frattempo diventato un trio dando vita alla società Taxi 1729) ha iniziato a realizzare alcuni video, spiegando in maniera divertente e ironica le logiche del gioco, smascherando l’orribile strega che si nasconde dietro al bel viso della Dea Bendata.

A guardare questi video, che stanno riscuotendo un più che meritato successo, mi sono però accorto che la parte interessante del loro lavoro non sono i numeri, non è la matematica: è la comunicazione, o meglio: sono le dinamiche del pensiero umano che una comunicazione persuasiva è capace di influenzare.

In un articolo precedente del blog [Perché è meglio un uovo oggi che una gallina domani? **ATTENZIONE: contiene storie di donne nude, libretti postali e mutui sulla casa…] svelavo già alcune di queste dinamiche e trovando molte affinità nel video di TAXI 1729 mi è sembrato bello condividerlo anche sul blog Effetto Barnum, sia per te che per loro.

Dagli un’occhiata, ne vale la pena (soprattutto dal minuto 1.30, dove si parla dei trucchi di comunicazione del Ministro…).

Interessante e ben fatto non trovi?

Non vorrei aggiungere altri ragionamenti al video, è una buona sintesi da cui puoi trarre un sacco di spunti per rendere la tua comunicazione ancora più efficace… ma lo zampino ce lo metto, non riesco a resistere ;-)

Nei libri di psicologia che trattano l’argomento, si legge che tutti i giocatori d’azzardo (non solo quelli definiti “patologici”) considerano vere una serie di premesse che li portano a sovrastimare le possibilità di vittoria e contribuiscono a far continuare il loro agire autodistruttivo.

La parola magica di questa definizione è: premesse.

«Sono le fottute premesse a persuadere, non è il messaggio o la proposta in sé» (cit. Filippo Mora).

Se hai già letto il mio ultimo articolo sai bene di cosa parlo, se invece non lo hai ancora fatto rimedia subito, prima di passare oltre [Datemi una sensazione e vi cambierò la visione del mondo! (tecnica segreta di comunicazione efficace usata dai più abili persuasori per farti abboccare come una trota salmonata)].

Letto?

Bene, ora hai più chiaro il valore potentissimo delle premesse nella comunicazione strategica.

Se vuoi comunicare in maniera più efficace e difenderti da chi ti vuole fregare (sì, te lo devo dire, là fuori c’è un sacco di gente che ti vuole fregare!) presta molta attenzione alle premesse.

Detto questo, e tornando ai ragazzi di “fate il nostro gioco”, ho notato che nel video non parlano mai della cosiddetta “fallacia del giocatore d’azzardo” che (nonostante il nome) è un errore logico che influenza tutti noi nella vita quotidiana e riguarda l’errata convinzione che eventi occorsi nel passato influiscano su eventi futuri nell’ambito di attività governate dal caso.

Lo so lo so, detto così non è che faccia saltare tutti in piedi sul divano (cit. Guido Meda), ma vediamo un paio di esempi di questa stupidità dello scommettitore:

  • Un evento casuale ha più probabilità di verificarsi perché non si è verificato per un periodo di tempo.

Ne sono un esempio i numeri ritardatari del Lotto, sui quali le folle si affannano a puntare, sensa rendersi conto che le probabilità di uscita sono le stesse di qualsiasi altro numero.

O se preferite la roulette, vi faccio una domanda: dopo cinque giri di ruota in cui è uscito sempre il colore rosso, su cosa puntereste al prossimo giro? Immagino che il vostro sesto senso indichi il nero, come se ci fossero più probabilità (che invece sono, come in ogni giro di ruota, 50 e 50)

  • Un evento casuale ha più probabilità di verificarsi perché si è verificato di recente.

Esco dal gioco d’azzardo facendo un altro esempio, così da capire che non si tratta solo un discorso per giocatori incalliti.

Immagina questa situazione: un giorno ti chiama il direttore della banca per proporti un investimento sicuro sicuro, visto che hai sul conto quattro risparmi. Tu giustamente chiedi se ci sia garanzia che quei soldi frutteranno, preoccupandoti di non buttar via i sacrifici di una vita (sai direttore, con i tempi che corrono…). E lui come ti risponde 9 volte su 10? Ti mostra un grafico, o più facilmente una tabella, o magari tutte e due, dove si evidenzia che quel bel prodotto finanziario ha avuto ottimi risultati in passato. Guardi qui – ti dice – lo scorso anno ha guadagnato il 5%, quello prima addirittura il 6% e quello prima ancora il 5.5%… E a questo punto cosa incomincia a passare nella tua testa? È un investimento sicuro, guarda che passato. Ok, dove devo firmare?

Qualche riga sopra ti ho dato una sintesi di “fallacia del giocatore d’azzardo” dicendo che si tratta di un errore logico. In realtà la definizione corretta dovrebbe essere: una sensazione inconscia (cioè irrazionale o illogica se preferisci) che porta a un errore logico.

Ancora una volta nel blog Effetto Barnum senti raccontare questa storia: la logica è solo una parte di noi, ma le nostre scelte sono condizionate da aspetti irrazionali che una comunicazione efficace è capace di condizionare. Non è che sarà vero?

Ti faccio una domanda (e come sempre di ti chiedo di essere onesto con me): ti è mai capitato di cadere in alcune di queste pseudoconvinzioni? Ti avviso, di solito si sentono come voci dell’inconscio più che come pensieri logici e razionali nella nostra testa…

Ecco, volevo solo aggiungere due cose e mi sono fatto prendere la mano.

Quindi chiudo qui, ricordandoti che puoi scaricare gratuitamente l’introduzione del mio libro e il bonus del blog.

Mi raccomando, gioca con moderazione e non farti fregare.

Stay tuned

Filippo Mora

P.S. se ti è piaciuto l’articolo, giralo pure ai tuoi amici o condividilo sui social

P.P.S. se ti va, lasciami un commento qui sotto



Effetto Barnum, un blog di Filippo Mora - P.IVA 02154660035 - Copyright © 2014. All rights reserved